Prelievo di denaro contante: cosa cambierà nel 2024, la novità di cui pochi sanno

Il prossimo anno arriverà una significativa novità per i prelievi del contante, ma pochi ne sono a conoscenza.

Le novità sono frutto di una modifica a una vecchia norma presente nella bozza della manovra di bilancio 2024, che apre una inedita possibilità nel nostro Paese.

novità prelievo contanti 2024
bancomat e donna perplessa (tuttogratis.com)

Tutti sappiamo bene che nella Penisola esistono diverse zone che rischiano quella che viene chiamata la “desertificazione finanziaria”. Aree, in sostanza, dove non ci sono filiali di banca e, di conseguenza, mancano gli ATM per prelevare denaro col bancomat.

È questo il motivo principale per cui per molti cittadini è diventato se non impossibile, molto difficile procurarsi denaro cash col bancomat e le altre carte prepagate. Una situazione che adesso potrebbe essere alleggerita.

Prelievo contanti, i cambiamenti del 2024

Infatti la nuova modifica permetterà di prelevare contanti anche attraverso i POS presenti negli esercizi commerciali, come tabaccherie e supermercati. In pratica potremo prelevare denaro anche nei negozi. Come detto, si tratta di un provvedimento atteso a lungo che va incontro all’esigenza di avere un maggiore accesso ai servizi di pagamento, in particolare nelle zone più isolate del Paese.

Grosse novità in arrivo per il prelievo di contante
Si fa presto a dire bancomat: soprattutto nelle zone più periferiche prelevare contante è diventato difficile – (tuttogratis.com)

Questo non vuol dire che potremo automaticamente prelevare dai negozi già a partire del prossimo anno, piuttosto che il governo sta preparando la cornice normativa per predisporre questa possibilità. Il testo della bozza sottolinea la responsabilità da parte delle banche e degli istituti di vigilare sull’operato di altri attori economici, con l’aggiunta di un passaggio sul “servizio di prelievo di contante”.

Le verifiche riguarderanno dunque anche questa attività e soltanto per le operazioni occasionali sarà possibile superare il tetto dei 250 euro. Gli esercenti non avranno l’obbligo di aderire al servizio di prelievo contanti: l’adesione sarà su base volontaria. La legge di bilancio non regola in maniera approfondita questo servizio (d’altro canto serve soprattutto ad allocare i fondi statali): per attuare le sue disposizioni serviranno altri decreti attuativi,

Dovremo attendere dunque altre decisioni da parte dell’esecutivo per capire quando potremo prelevare effettivamente contante nei negozi, in quali esercizi e secondo quali modalità. Quello che appare chiaro è che il governo Meloni si sta muovendo nel solco delle indicazioni fornite dalla Banca d’Italia e dalla Commissione Europea, che da tempo propongono di garantire l’accessibilità al contante anche là dove spariscono i bancomat. Nel frattempo i cittadini dovranno armarsi di pazienza e fare i chilometri per potere prelevare.

Impostazioni privacy