Conto cointestato: i grossi rischi che la banca non ti dice ma l’avvocato si

Quali sono i rischi di un conto cointestato? Esistono eccome, e non sempre la banca te li dice. Fortunatamente ci sono gli avvocati

Un conto cointestato ha senza ombra di dubbio i suoi vantaggi. Ma è innegabile che esistano anche dei punti fortemente sfavorevoli, ed è giusto che vengano elencati nella loro interezza. Come da titolo, non tutte le banche rendono partecipi i loro clienti circa i rischi di un conto aperto con questa modalità. Per fortuna ci pensano gli avvocati, che in questo senso fanno un ottimo lavoro di divulgazione.

Pro e contro del conto cointestato
Conto cointestato: quali sono i suoi rischi? (Tuttogratis.com)

Conoscere i pro e i contro di un conto del genere può arrivare a valere un investimento intero. Ma soprattutto, eviterà il malcapitato o la malcapitata di turno a dover perdere tempo e denaro dietro a procedure poco convenienti. Questo poiché è sacrosanto che ognuno percorra la sua strada, ma soltanto se alla base c’è un’informazione adeguata.

Conto cointestato: rischi e pericoli

Inutile negarlo, il conto cointestato presenta eccome delle insidie. Innanzitutto, partiamo con la sua definizione. Un conto che segue questa modalità, prevede che ci siano più titolari a gestire la proprietà del conto. A questo proposito ci possono essere due tipologie di firme, ovvero disgiunta e congiunta. Nel primo caso le operazioni vengono autorizzate separatamente, nel secondo caso no.

Pro e contro del conto cointestato
Cosa dicono gli avvocati sul conto cointestato? (Tuttogratis.com)

Questa opzione deve essere scelta fin da subito. Ciò significa che un conto ordinario non può diventare cointestato in un secondo momento, ma deve essere tale fin dall’inizio. Per quanto la sua selezione implichi costi minori ed una gestione molto più facile, è fuori discussione che ci siano anche dei lati fortemente negativi.

Uno su tutti è il fatto che l’Agenzia delle Entrate verrà sollecitata spesso e volentieri. Questo poiché i conti con due o più proprietari vengono facilmente presi di mira dall’Agenzia più temuta dagli italiani. Inoltre, nel caso in cui uno dei proprietari commetta delle inadempienze o si debba rivelare tale, ci sarà la scomoda pratica del pignoramento.

Arrivati a questo punto, la migliore delle ipotesi prevederà un iter burocratico praticamente interminabile, dove tra l’altro sarà tassativamente vietato accedere al proprio conto. A noi stessi così come anche agli altri firmatari, ovviamente. Questi sono tutti aspetti negativi, che per quanto “pochi” potrebbero inficiare i vantaggi che effettivamente un conto con più proprietari presenta. Proprio per questo motivo, fare bene la propria scelta sarà di fondamentale importanza.

Impostazioni privacy